Come far avvicinare i bambini alla lettura

Già dalla prima infanzia leggere è un’attività preziosa in cui cimentarsi.

Questo vale sia per i bambini, che per mamma e papà, poiché leggere loro storie ad alta voce aiuta a creare un legame speciale.

Ma non solo: così facendo stimolerete le loro capacità cognitive, quelle linguistiche, catturerete la loro attenzione e insegnerete loro a concentrarsi.

Insomma, leggere, o ascoltarvi farlo, li farà sicuramente crescere più intelligenti e più sicuri!

Infatti, i bambini a cui giornalmente vengono lette storie e favole, specie in età prescolare, una volta arrivati alle elementari padroneggiano maggiori conoscenze di base, e imparano a leggere e a scrivere molto più velocemente rispetto agli altri compagni.

Qual è l’età giusta per cominciare a leggere col tuo bambino?

Puoi benissimo iniziare a leggere storie al tuo bebè fin dai primi mesi di vita.

Questo perché già a 2 è in grado di distinguere forme e immagini.

Dai 6 mesi potrai iniziare a farlo giocare con i libri di stoffa, perfetti per essere manipolati e stropicciati, in questa fase dello sviluppo dove l’esperienza tattile è fondamentale!

Si possono iniziare a introdurre come accompagnamento alle immagini frasi familiari e semplici intorno ai 18-20 mesi.

Riguarderanno azioni, fatti od oggetti noti al bambino, e questo lo aiuterà a sviluppare connessioni e relazioni di causa-effetto.

Associandole ad attività quotidiane inizierà così piano piano a sviluppare il suo vocabolario!

La lettura autonoma solitamente può essere proposta intorno ai 2 anni, iniziando da libri appositamente studiati per questa fascia di età, che spesso hanno come protagonisti simpatici animali parlanti pronti ad insegnare al bambino tante nuove cose.

Vediamo ora in 10 brevi passi come far appassionare i piccoli alla lettura

1- Create una routine attorno al momento della lettura.


Scegliete un momento particolarmente tranquillo durante la giornata, solitamente il più indicato è l’ora prima della nanna, e impegnatevi a leggere insieme; bastano pochi minuti al giorno, ma è importante essere costanti: questo aiuterà a sviluppare nel bambino un legame speciale con l’ora della favola, e inizierà a fargli percepire il valore della lettura.

2- Eliminate le fonti di distrazione.

Spegnete radio, TV ed ogni altro dispositivo elettronico.

Mettete il vostro bambino a letto, rimboccategli le coperte, e allontanate tutti i giochi.
I piccoli hanno una mente iperattiva, la loro immaginazione vola e la curiosità li spinge a distrarsi facilmente.
Aiutateli a rimanere concentrati sulla storia, così che possano trarre il massimo dei benefici da questa attività!

3- Mentre leggete mostrate le immagini al bambino.

Tenete il libro in mano e fate vedere chiaramente le pagine al bambino, specie quelle illustrate.
Questo lo aiuterà a seguire il filo della storia, ma soprattutto a capire, dato che specie nella prima infanzia l’apprendimento avviene tramite forme, colori ed immagini.

4- Prima di leggere la storia, mostrategli la copertina del libro e spiegategli brevemente di cosa parla.

Servirà a catturare la loro attenzione ed accendere la curiosità.
La loro fervida immaginazione inizierà a galoppare, e non vedranno l’ora di scoprire cosa accade alla bella principessa!
In più, li aiuterà a capire di cosa state parlando, e permetterà loro di farvi domande su quello che non conoscono prima di iniziare ad ascoltare la storia.

5- Leggete in modo espressivo e partecipato.

Create diverse voci per ogni personaggio, in modo da aiutare il bambino a capire ed immaginare.
Usate la mimica, sia facciale che gestuale, per raccontare la vostra storia.
Non solo renderà l’esperienza più divertente, ma servirà al bambino per associare parole e frasi a specifiche attività o caratteristiche.

6- Lasciate interagire il bambino con il libro.

Fategli sfogliare e voltare le pagine, lo aiuterà a seguire la storia passo passo insieme voi, andando a tempo con la vostra voce.
Lasciategli indicare le immagini, lo aiuterete così ad associare nomi e parole con forme e personaggi.

7- Coinvolgetelo nella lettura.

Ponetegli domande riguardo alla storia, lasciatelo esprimere le sue idee a riguardo e rispondete a tutto quello che vi chiederà in merito.
I bambini hanno un costante bisogno di indagare e sapere per soddisfare la propria curiosità e dar forma all’immaginazione, perciò stimolateli e rendeteli partecipare della lettura attraverso questo tipo di interazione.

8- Chiedetegli di raccontarvi la storia.

Una volta finito di leggere, potrete spronarli a farvi un piccolo riassunto della favola.
Questo li spingerà a rielaborare quello che hanno appena ascoltato, aiutandoli a concentrarsi e ad acquisire capacità linguistiche e cognitive di base, che si riveleranno estremamente utili con l’inizio delle scuole.

9- Fate scegliere a lui cosa leggere.

Non imponetegli mai qualcosa che potrebbe non piacergli.
Rischiereste di farlo annoiare e di fargli associare la lettura a qualcosa di spiacevole, creando il lui avversione per questa attività.

10- Portatelo in biblioteca.

Non c’è posto migliore da far scoprire ad un bambino.

Si troverà catapultato in un luogo magico, circondato da altissimi scaffali pieni di libri, e sarà sicuramente un’esperienza ogni volta emozionante.
Accompagnatelo e lasciate che scelga in autonomia le proprie letture, lo aiutereste così a sentirsi sicuro di sé ed indipendente.

Speriamo che questi piccoli consigli possano aiutarvi a far avvicinare i vostri bambini ai libri e alla lettura.

Ricordategli sempre che si tratta di un’attività piacevole da svolgere, e non di un arduo dovere da dover portare a termine per far felici mamma e papà.

Questo è un aspetto importante da curare, specialmente durante la prima infanzia, per non rischiare di ritrovarsi poi alle prese con adolescenti che odiano leggere!

E non preoccupatevi se il vostro bambino imparerà a farlo più lentamente degli altri: ognuno ha i suoi tempi, e non c’è una regola a riguardo.

Impegnatevi soltanto a stimolarli, e vedrete che diventeranno adulti intelligenti e sicuri di sè!

Pin It