A cosa serve una cucina giocattolo?

La cucina giocattolo lascia ai piccoli la possibilità di immedesimarsi in un adulto e di preparare, nella finzione, tantissime pietanze.

Le cucine ideate per i bambini sono complete di tutto: generalmente hanno persino lavastoviglie, forno, lavandino e piano cottura. Se vuoi rendere il gioco ancora più emozionante puoi scegliere di regalare accessori che potrebbero non essere compresi nella confezione come pentolini, frutta, mestoli, piatti e bicchieri.

Ideale per le bambine dai 2 anni in su è Masha prima cucina interamente dedicata al celebre cartone animato Masha e Orso, coloratissima e super accessoriata. Cucina amore mio è invece perfetta per bimbe più grandi a partire dai 3 anni: caratterizzata da un design ultra moderno è dotata di numerosi accessori ed è completa di forno con lampadina.

Super apprezzata, anche dai maschietti, è Cucina Bon Appétit Smoby comprensiva di un frigo e forno apribile, un lavandino con rubinetto, una caffettiera e ben 23 accessori tra cui tazze, pentole e generi alimentari.

Una volta acquistata la cucina per bambini lascia tuo figlio libero di cucinare come meglio crede e se ti offre qualcosa da bere o da mangiare tu non esitare ad accettare: ricordati che per un bimbo il consenso dei genitori è importantissimo.

Cucina giocattolo: quando regalarla

Meglio regalare cucine giocattolo non prima dei 2 anni. Questo perché le cucinette hanno un'altezza minima, pensata proprio per bimbi più grandi. Inoltre si tratta di giocattoli che possono contenere anche parti molto piccole e che potrebbero essere quindi facilmente ingerite.

La scelta del modello dipende da alcuni fattori in particolare quali:

  • dimensioni
  • materiali
  • età consigliata
  • gusti personali.

In commercio puoi facilmente trovare una cucina in legno o in plastica. Sceglila in plastica se proprio non vuoi rinunciare a un prodotto facilmente lavabile ma, se possibile, preferiscila in legno.

I prezzi sono variabili. Puoi trovare cucine giocattolo in offerta speciale online o nei più rinomati negozi specializzati. A grandi linee per una cucinetta puoi spendere circa 40/50 euro anche se determinati modelli possono arrivare a costare molto di più.

Prima di acquistare dai un'occhiata alle recensioni prodotto online. Così potrai regolarti di conseguenza e capire se la cucina che desideri comprare è davvero in linea con le tue esigenze e con quelle di tuo figlio.

Evita cucine a marchio sconosciuto. Affidati solo ai migliori brand di giocattoli per stare sicuro in termini di qualità e sicurezza.

Cucina giocattolo in legno fai da te

Se sei abile con il bricolage, prova a costruire tu stesso una cucina per tuo figlio completamente in legno. Questo materiale, a differenza della plastica, è naturale, maggiormente resistente e non inquina.

Ti basta utilizzare qualche asse e iniziare a costruire. Seguendo anche delle guide online hai l'occasione di creare una vera e propria cucina da sogno. Eventualmente puoi utilizzare un vecchio comodino e costruirci sopra la cucina per il tuo bimbo.

In alternativa, se vuoi puntare tutto sul massimo risparmio economico, prova a realizzare una cucina di cartone liberando tutta la tua fantasia. Taglia, incolla, disegna, crea... non importi alcun limite.

Puoi prendere spunto dal web: tante le immagini di cucine completamente fatte di cartone e che puoi ricreare in pochi semplici passi.

Sì alla cucina in plastica se...

Tuo figlio ama suoni e luci, ovvero trascorre ore e ore in compagnia dei migliori giochi interattivi? In questo caso è più indicata la cucina per bambino in plastica sicuramente più interessante e stimolante, talvolta dotata di incredibili effetti sonori. Esistono persino cucine gioco dotate di rubinetti in grado di far uscire acqua vera. Inoltre la plastica, rispetto al legno, pur essendo meno resistente è comunque lavabile con un panno e un comune prodotto igienizzante. Rimuovere dal legno determinate macchie può risultare invece più complesso.

Qualunque sia la tua scelta, la cucina giocattolo è perfetta per far giocare il tuo bimbo da solo o in compagnia. Così come gli altri giochi di emulazione è consigliata a tutti quei genitori che vogliono crescere i loro figli secondo il metodo Montessori che suggerisce di fare entrare il prima possibile i piccoli a contatto con gli oggetti della vita quotidiana.

Pin It