Come far addormentare un neonato

Il bimbo, specialmente durante i suoi primissimi mesi di vita, piange spesso e frequentemente nelle ore notturne.

Per calmarlo, il più delle volte, non basta una semplice ninna nanna. Puoi quindi ricorrere a piccoli accorgimenti utili.
Anzitutto prova con il ciuccio.
Molti neonati riescono a calmarsi e a riprendere il sonno con più facilità mettendo il bocca il loro ciuccio, ma attenzione a non esagerare.
L'uso del ciuccio in modo eccessivo può interferire con l'allattamento al seno in quanto si tratta di due modalità di succhiare differenti e il bimbo potrebbe confondersi, arrivando a rifiutare il latte materno.

In secondo luogo prova ad avvolgere il neonato in una fascia non troppo stretta.
Inizialmente il piccolo ha bisogno di sentire calore e avvolgerlo in qualcosa di caldo e soffice lo aiuterà a sentirsi al sicuro in un mondo dove ancora fatica ad adattarsi.

Cullarlo dolcemente è una pratica infallibile per conciliare il sonno.
Vanno evitati in modo assoluto movimenti bruschi che potrebbero agitarlo.
Anche il tono di voce è essenziale.
Parla a bassa voce con il bimbo per evitare che possa allarmarsi e quindi faticare ad addormentarsi.

Importante è anche la luce nella stanza dove dorme il neonato.
Quando sei con lui per cullarlo deve essere opaca, quindi non troppo forte.
Quando invece il piccolo dorme è meglio lasciarlo riposare al buio.

Sistema la culla vicino al tuo letto o, se non ti è possibile, utilizza i baby monitor per vedere ogni movimento e sentire ogni suono.

Far addormentare un neonato con i giochi per la nanna

In commercio esistono diversi giochi prima infanzia pensati proprio per facilitare il sonno del neonato.
Si tratta di carillon per culla o altri giocattoli musicali che suonano melodie dolci e rilassanti.
Usati correttamente rappresentano un valido aiuto ai neogenitori che cercano di far addormentare il loro bimbo.

Questi giochini si attaccano facilmente alla culla o al lettino.
Sono inoltre estremamente morbidi e quindi perfetti per poter essere mordicchiati o maneggiati durante le ore di veglia.
Possono essere igienizzati con un comune ciclo di lavatrice.

Adeguate sono anche le giostrine musicali come la casina delle api dotata di apine colorate che girano e volano al ritmo della musica di una ninna nanna o la bellissima giostrina magia di stelle rosa che oltre a emettere dolci melodie proietta sul soffitto immagini colorate rilassanti.

E se il neonato non vuole dormire?

Può accadere che il piccolo pianga continuamente e non ne voglia proprio sapere di dormire.
Forzare troppo un bimbo a dormire può rivelarsi un evento stressante.
In questo caso si può cercare di aiutare a rilassarlo facendogli un bel bagnetto.
L'acqua tiepida, secondo diversi studi, è un toccasana per i neonati che infatti tendono a rilassarsi completamente avendo in qualche modo la sensazione di essere tornati nella pancia della mamma, dove vivevano nel sacco amniotico.

Anche dei piccoli massaggi possono essere utili a calmare le tensioni del neonato.
Consigliato è effettuare dei massaggi con movimenti lenti ai piedini, alla schiena e al collo.

Molti bimbi appena nati si addormentano più facilmente con una passeggiata. Va bene fare anche qualche passo dentro casa, l'importante è che il piccolo abbia la sensazione di non stare fermo.

Tra i metodi migliori ce ne sarebbe uno che consente di addormentare un neonato in 40 secondi.
Questo metodo, pubblicizzato da un utente YouTube, consiste nello sventolare per 40 secondi un fazzoletto di carta sul viso del neonato e sembrerebbe proprio avere gli effetti sperati.

Migliore posizione per far dormire un neonato

Per far addormentare un neonato, almeno durante il primo anno di vita, gli esperti pediatri suggeriscono di porlo in posizione supina, ovvero con la pancia in su.
In questo modo loro si addormentano con maggiore semplicità e si riduce notevolmente il rischio di morte in culla che è la principale causa di morte nei bimbi tra 1 e 12 mesi.
Grazie a questa posizione molti neonati sono in grado di svegliarsi nel caso di problemi respiratori, come le apnee, cosa che invece potrebbe non accadere se posti a pancia in giù.

Una ulteriore raccomandazione è di non coprire troppo il piccolo e di non tenerlo in ambienti eccessivamente caldi.

Pin It